La resilienza nel Tech

fancycrave-530798-unsplash

Il prezzo delle azioni di Facebook è cresciuto di un  inaspettato 35% dai suoi minimi durante lo scandalo dei dati di Cambridge Analytica a marzo, è solo l’ultimo segno di un settore tecnologico che ha mostrato di essere  resiliente. Per chi investe nei titoli tecnologici tutto ciò dimostra che è importante adottare una visione a lungo termine negli investimenti e tenere i nervi saldi anche nei momenti difficili.  Il settore Tech negli Stati Uniti si è anche ripreso in fretta dalle altre notizie negative, come le critiche del presidente Donald Trump sulle politiche di Amazon e le critiche negative a Twitter per il troppo lassismo che ha consentito la nascita di fake account pro Trump.

Ma il grande potere della tecnologia di trasformare il modo in cui viviamo si riflette nei mercati penalizzando a volte, sulla base di valutazioni prospettiche, settori industriali che sono fiorenti. Negli Stati Uniti abbiamo visto le società che generano cassa valutate in modo attraente e altamente redditizio ma che soffrono di una diminuzione del prezzo delle azioni a causa del timore che Amazon possa entrare nella loro attività e conquistare quote di mercato. Si tratta dei retailers, delle farmacie e delle assicurazioni.

Questa “Amazonaphobia” ha colpito non solo la vendita al dettaglio ma anche l’assistenza sanitaria. La società ha annunciato un’iniziativa sanitaria congiunta insieme a Berkshire Hathaway e JP Morgan a gennaio che ha provocato il calo dei prezzi delle azioni negli assicuratori sanitari e farmaceutici.

In ogni caso, per chi investe in tecnologia, un rischio da considerare è che molti investitori stiano inseguendo i titoli rilevanti del tech senza tenere conto del contesto in cui operano le aziende tech. Ciò significa che, ad esempio,  se qualche provvedimento governativo colpisce i settori a cui appartengono questi titoli (vedi i casi di Google AirBNB e Uber ) è possibile che un gran numero di investitori svenda.

Il successo della tecnologia potrebbe riportare alla memoria la bolla dotcom degli anni ’90 ma ci sono differenze fondamentali rispetto a ciò che vediamo oggi. Ad esempio, quando si tratta di valutazioni, alcuni titoli  non sono neanche lontanamente vicini ai livelli che abbiamo visto allora.

Nel complesso, con una forte crescita, buoni guadagni e la conferma del ruolo impattante che la tecnologia avrà nelle nostre vite, questo settore rimarrà probabilmente da osservare fintanto che i fondamentali resteranno favorevoli.

Autore: Albacore

Società di consulenza svizzera che offre esperienza e professionalità per la gestione di patrimoni strutturati di famiglie imprenditoriali e HNWI