Quattro domande da farsi prima di entrare nell’azienda di famiglia

rawpixel-661924-unsplash-2

Di Francesco Fabiani *

Molte volte ci capita di aver a che fare con famiglie imprenditoriali alle prese col tema della successione aziendale. Dopo il fondatore chi prende il comando dell’azienda e poi gli altri figli o eredi hanno diritto di entrare in azienda e con quale ruolo? Parlo ovviamente dei ruoli in azienda e non del patrimonio familiare. Un patrimonio si può suddividere con criteri il più possibile equi ma quando si pone il tema del comando dell’azienda e dei ruoli da assegnare ai familiari il tema è differente. Ecco quattro domande  da farsi quando si vuole entrare nell’azienda di famiglia.

E’ la scelta giusta?

La prima domanda da farsi dovrebbe essere: perché?  Prima di candidarsi alla guida dell’azienda  o in un ruolo di rilievo considerate attentamente i vostri sogni e le vostre ambizioni e condivideteli con la vostra famiglia. I vostri sogni e le vostre ambizioni vanno nella  direzione in cui va il business familiare?

Lo volete fare veramente ?

La chiave per far funzionare l’azienda di famiglia è pensare seriamente se si vuole entrare in azienda. Se i vostri familiari pensano che voi dobbiate entrarci può essere facile perdere di vista chi siete veramente quando siete circondati dalle aspettative altrui.

Qual è il vostro ruolo?

Se decidete che il business di famiglia è importante per voi dovete considerare quale è il ruolo che vorreste svolgere in azienda. Vorreste lavorare in azienda? Diventarne il proprietario?  Volete essere  azionisti? Entrambe le cose? Gli azionisti di solito hanno poco coinvolgimento nella gestione quotidiana dell’azienda, avranno invece bisogno di una maggiore comprensione del business in modo tale che possano aiutare il CDA a guidare l’azienda  nella giusta direzione. Sarete remunerati attraverso i dividendi ma non sono affatto garantiti. Se volete lavorare in azienda avrete uno stipendio e avrete una presa maggiore sull’azienda. Tutto questo può avere un valore specialmente se pensate di assumere la leadership in futuro. Ma se diventate dipendenti sarete degli osservati speciali da parte dei  vostri colleghi che vi vedranno in primis come membri della famiglia  e poi come dipendenti. I vostri avanzamenti di carriera anche se in presenza di motivazioni valide possono essere un problema se altri pensano di meritare lo stesso.

E’ il momento giusto?

Vale anche la pena prendere in considerazione qual’è il momento migliore per entrare nell’azienda di famiglia: dovreste immergervi direttamente in azienda o lavorare altrove per ottenere un’esperienza più ampia? Molti capifamiglia introducono subito le generazioni successive nell’impresa di famiglia facendo in modo che i figli di volta in volta facciano qualche visita in azienda  o che vi svolgano degli stage.

* CEO Albacore Wealth Management

Autore: Albacore

Società di consulenza svizzera che offre esperienza e professionalità per la gestione di patrimoni strutturati di famiglie imprenditoriali e HNWI