Se i Family Office investono ancora di più in P/E

parker-amstutz-644536-unsplash

di Roberto Tronci *

Secondo un sondaggio svolto in occasione dell IPEM  di Cannes, la conference sulla private capital industry, il 55% degli intervistati teme una correzione economica importante nel 2019, la  Brexit e le sue conseguenze, il protezionismo  e le guerre commerciali.  Per quanto riguarda le fonti di raccolta dei finanziamenti  il 58% degli intervistati si aspetta che i family office e gli high net worth individuals (HNWI) incrementeranno i loro investimenti in P/E mentre il 44% degli intervistati si aspetta che le banche li ridurranno. In particolare, questo trend è atteso più marcato in tema di fondi di buyout, nei quali il 63% degli intervistati ritiene che i family office investiranno di più, con il 50% degli intervistati che ritiene che le banche vi investiranno di meno. Anche il venture capital attrarrà di più i family office e meno le banche quest’anno, secondo il sondaggio.

I gestori dei fondi ritengono, comunque che, nel 2019, ci saranno buone opportunità per gestire e migliorare le performance delle società in portafoglio (83% degli intervistati) e che il 2019 dovrebbe anche essere una buona annata per i disinvestimenti (73%). Non solo, il 2019 dovrebbe anche essere un buon anno per raccogliere nuovi fondi (65%), con l’eccezione dei fondi con sede in Regno Unito, che causa Brexit vedono un contesto meno promettente per la raccolta di fondi rispetto ai loro colleghi continentali. Il sondaggio è scaricabile a questo link.

ipem2019_pe-survey-ipemeu-associations

In ogni caso, però, soltanto il 50% dei gestori di fondi europei prevede di raccogliere più capitali rispetto all’ultimo fondo. Infine il 2019 è considerato anche un buon anno per fare nuovi investimenti (65%) e il 61% degli intervistati prevede di investire di più rispetto al 2018. Da segnalare che i gestori dei fondi più piccoli e  cioé quelli sino a 100 milioni di euro, sembrano essere più ottimisti dei loro colleghi. In particolare il 69% dei piccoli gestori ritiene che lo scenario per il business resterà buono quest’anno o sarà addirittura migliore dell’anno scorso, il 70% di loro pensa che il 2019 sarà un buon anno per fare deal e il 27% di loro si aspetta di raccogliere molto più capitale per i propri fondi di quanto fatto con i fondi precedenti.

Nel segmento buyout, i settori considerati più attraenti per gli investimenti sono i servizi business, il farmaceutico il sanitario e l’ICT, mentre per il venture capital i settori più promettenti sono considerati l’intelligenza artificiale, il medtech e il software.

*CIO Albacore Wealth Management

Autore: Albacore

Società di consulenza svizzera che offre esperienza e professionalità per la gestione di patrimoni strutturati di famiglie imprenditoriali e HNWI